Sistemi Simulcast Analogici e DMR - C.R.T. Elettronica -Telesoccorsi - Periferiche - Ponti radio - Centrali operative - Radioallarmi

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sistemi
Sistemi Simulcast Analogici e DMR


Sistemi Simulcast Analogici e DMR
Le reti di tipo simulcast operano sul medesimo canale radio su tutta l’area di copertura.

Le comunicazioni possono essere sia a canale aperto sia a canale selettivo, di tipo semiduplex tra terminali mobili o duplex tra Centrale e terminali. La rete provvede alla selezione automatica in  accesso dei terminali e ridiffonde il segnale sulla stessa frequenza in tutta l’area di copertura. I terminali sono serviti indipendentemente dalla loro posizione come se fossero coperti da un unico ripetitore.
La rete radio simulcast si comporta come un singolo “ripetitore virtuale”, indipendentemente dal numero di SRB (Stazione Radio Base) utilizzate e dalla complessità dell’architettura di rete.

Sistemi Simulcast Analogici e DMR

La qualità di una rete simulcast dipende essenzialmente dai seguenti fattori:

   Equalizzazione in ampiezza e fase dei segnali modulanti
   Accuratezza di sincronizzazione delle portanti
   Capacità del sistema di selezione di accesso (voting) di selezionare il miglior segnale senza interruzioni o perdite di dati

I più recenti sistemi simulcast operano in tempo reale in modalità dual-mode analogica e digitale DMR. La SRB identifica il segnale proveniente dai terminali ed adotta automaticamente la modulazione corretta. Questo significa che la rete radio supporta contemporaneamente e sullo stesso canale il traffico radio analogico ed il traffico radio digitale DMR generati dalla flotta di terminali operanti sul campo.


Radio Activity - Ripetitore RA-xxx
Sistemi Simulcast Analogici e DMR
Ripetitore RA-xxx La stazione radio RA-XXX costituisce l’unità base con cui comporre una grande varietà di reti radio, dal semplice ripetitore alla rete ad albero di decine di ripetitori simulcast. Il ricetrasmettitore RA-XXX è progettato e realizzato utilizzando moderne tecnologie del mondo della Radiofrequenza, dell’Elaborazione numerica dei Segnali e dei Sistemi Informatici di controllo e gestione.

Il risultato di tale sintesi è una stazione radio che, grazie alla flessibilità e alle elevate prestazioni, costituisce la piattaforma ideale per realizzare sofisticati sistemi di comunicazione radio.

I ricetrasmettitori sono intrinsecamente digitali, sviluppati secondo la logica della “soft radio” in cui al front-end radio seguono i processi di mo-demodulazione realizzati tramite algoritmi inseriti nei dispositivi Digital Signal Processing (DSP).

La completa programmabilità di tali algoritmi permette di costruire diverse soluzioni non solo per la trasmissione della voce o più in generale di segnali analogici, ma anche per trasmissione dati, recupero sincronismi, eccetera, agendo semplicemente sul SW (anche in modalità remota).

La connessione remota infatti, oltre ai normali servizi di telecontrollo (audio e RF loop test, temperatura, assorbimento, …), permette il down-loading completo di tutti i software residenti nell’apparato e la comunicazione diretta in dati tramite il front-end radio con i mezzi mobili.

I sistemi sincroni di Radio Activity S.r.l. hanno già a bordo tutti gli algoritmi necessari a garantire un perfetto funzionamento in qualsiasi geometria d’impiego e su qualsiasi vettore di trasporto (SDH/PHD su fibra ottica o microonde, link monocanale, doppino in rame, …).

Sono disponibili ben 5 sistemi di sincronismo differenti (GPS, OCXO, tono super-audio, stringhe digitali, clock esterno) con backup automatico tra le sorgenti.I ritardi di gruppo e assoluti sono perfettamente allineati e, con l’ausilio di un ricevitore GPS, le stazioni sono in grado di equalizzare automaticamente in fase e ampiezza i segnali analogici e digitali anche in presenza di variazioni della risposta dei link. Un innovativo algoritmo, messo a punto nei nostri laboratori, permette di equalizzare automaticamente le linee di trasporto anche in tunnel o in aree in cui non c’è visibilità del sistema GPS.

Sistemi Simulcast Analogici e DMR


SELEX Elsag- Ripetitore ECOS-D

Sistemi Simulcast Analogici e DMRRipetitore ECOS-D Il sistema ECOS-D è la soluzione professionale per le reti simulcast dual mode (analogico e digitale) a standard ETSI DMR di SELEX Elsag Il sistema è in grado di realizzare una rete simulcast in grado di impegnare un numero ridotto di frequenze e un numero elevato di ripetitori. ECOS-D è dotato di un sistema di equalizzazione automatico che consente di utilizzare differenti tipi di link per l'interconnessione dei ripetitori: ponti radio a micro onde, fibre ottiche o doppini. La sincronizzasione tra i link è garantita dal sistema GPS.

Il sistema ECOS-D ha la possibilità di operare in tempo reale in dual-mode, ciò significa che ogni stazione radio base discrimina automanticamente la modulazione analogica da quella digitale sullo stesso canale radio.
Questa configurazione permette a due flotte di apparati radio di differente standard, di operare sullo stesso ripetitore. In tal modo la migrazione da analogico a digitale può avvenire in maniera graduale a vantaggio dei costi di investimento

Sistemi Simulcast Analogici e DMR


ECOS-D è una soluzione flessibile ed innovativa, che permette agli utenti PMR di:


   dotarsi di un sistema radiomobile simulcast digitale basato su uno standard ETSI (European Telecommunications standards Institute) aperto, che offre caratteristiche evolutive quali maggiore capacità di comunicazioni, sicurezza intrinseca e servizi a valore aggiunto basati sulla trasmissione dati, anche tramite apparati prodotti da diversi costruttori
   mantenere l’operatività della flotta di terminali analogici, ottimizzando il processo di migrazione e salvaguardando gli investimenti effettuati.

L’adozione del sistema ECOS-D assicura la migrazione controllata dalla tecnologia analogica a quella digitale e permette al cliente di ottenere la massima efficienza in termini di salvaguardia degli investimenti  effettuati e di continuità del servizio.

Questo grazie alle peculiari caratteristiche delle reti radio ECOS-D e dello standard DMR:


   operatività dual-mode con gestione della modulazione analogica e digitale in tempo reale da parte della singola SRB sul singolo canale radio
   utilizzo delle stesse frequenze attualmente assegnate ai servizi PMR nelle bande VHF 66-88 MHz, VHF 146-174 MHz e UHF 400-470 MHz
   riutilizzo delle infrastrutture di rete esistenti (siti di installazione, antenne, …) nella migrazione da sistemi convenzionali analogici
   conformità delle apparecchiature alla normativa Europea (marchio CE) ed alle specifiche ETSI EN 300 086 e EN 300 113

 
Torna ai contenuti | Torna al menu